Centro Teatrale Artigiano - Sede Fiscale: Via Monte Zebio 14/c 00195  Roma - Partita Iva e Codice Fiscale: 13195511004
SteveR
Tre   infermiere   ausiliarie   di   una   casa   di   cura   per   lungodegenti   sono   licenziate   da un   giorno   all’altro.   Annientate   dalla   notizia,   precipitano   prima   nella   disperazione e   poi   decidono   di   inscenare   una   protesta.   Ma   la   crisi   economica   ha   riempito   il mondo    di    disperati    come    loro    e    nessuno    presterà    attenzione    a    tre    semplici infermiere. A   suggerirgli   come   emergere   nel   mare   di   disgraziati   è   Oscar,   un   paziente   della casa   di   cura   ed   ex-sindacalista   che   spiega   alle   tre   che   devono   compiere   un   gesto eclatante,    qualcosa    di    talmente    grande    che    le    porti    in    televisione    e    faccia conoscere a tutti la loro storia. E le tre infermiere lo fanno. Una   commedia   sulla   crisi,   per   provare   a   riderne   ma   anche   a   riflettere   su   una situazione    che    coinvolge    sempre    più    persone,    e    che    però    non    deve    mai    far smettere di sperare in futuro migliore.
LA NOTTE DELLA TOSCA di Roberta Skerl con Pietro Longhi, Gabriella Silvestri, Claudia Ferri e Annachiara Mantovani e con la partecipazione di Pierre Bresolin scenografia di Lorenzo Zollo costumi di Lucia Mariani disegno luci di Sacha Donninelli aiuto regia Olimpia Alvino sarta di scena Elisabetta Viola musiche a cura di Eugenio Tassitano foto di scena di Stefano Giorgi regia di Silvio Giordani   “La   notte   della   Tosca'   è   il   riscatto   contro   i   nuovi   Scarpia,   almeno   quelli   teatrali…   La   commedia   sposta   l'attenzione   del   pubblico   dal   melodramma   pucciniano   al dramma   del   tutto   contemporaneo   della   mancanza   di   lavoro   …   Il   finale   è   toccante   e   va   visto   in   teatro.   La   commedia   non   risolve   il   problema   del   lavoro,    ma   ha   il pregio   di   dare   un   ulteriore   stimolo   a   dibattiti   personali   e   sociali   che   vorremmo   rimanessero   solo   e   sempre   confinati   alle   tavole   di   un   palcoscenico,   ma   così   non è, anzi”. ( Media&Spiario) “La   pièce   da   una   notevole   spinta   sociale   e   sindacale   e   riesce   ad   essere   divertente,   in   alcuni   punti   addirittura   commovente. E’   capace   di   trattare   con   acuta sensibilità   e   delicata   ironia   il   tema   della   perdita   del   lavoro,   condizione   indispensabile   per   ciascuno   di   noi,   e   l’unica   cosa    che   possa   far   sognare   a   tutti   un   futuro migliore“. (Global Press)  “La   Notte   della   Tosca  pone   l’accento   sulla   straordinarietà   delle   storie   quotidiane ,   sui   drammi   di   ogni   giorno   di   fronte   ai   quali   le   persone   mostrano   lati   di   sorprendenti.   Persone   assolutamente   comuni   trascinate   dalle   vicissitudini   della   vita   ad   affrontare   le   difficoltà   con   un   coraggio   che   si   trova   solo   in   certi   libri.   O   a Teatro...   Le   tre   donne,   tre   bravissime   attrici,    mostreranno   una   forza   d’animo   inaspettata   anche   ai   propri   occhi.   Hanno   diverse   età   ma   comune   destino:   quello di resistere    al   disagio   sociale,   nell’incubo   di   un   futuro   senza   reddito per   mandare   avanti   famiglie   con   figli   e   mariti   a   carico.   Da   un   franco   scambio   di   vedute   tra l’anziano    rassegnato     e    le    licenziate     disperate,    nascerà    un    atto    di    ribellione    estrema    ed    esaltante    per    la    dignità    del    lavoro…    accompagnato    dalle    arie meravigliose dei celebri autori”.  (contrappunti.info) “Per   la   notte   della   Tosca,   una   sola   parola:   poetico.    Il   tema   della   perdita   del   lavoro   oggi   è   abbastanza   diffuso   e   lo   spettacolo   prova   a   instillare   negli   spettatori anche   un   senso   di   speranza,   ricordando   che   le   donne   non   sono   quelle   delle   mimose   dell’otto   marzo,   ma   sono   le   donne   della   resistenza,   le   donne   che   hanno lottato   per   i   propri   diritti.   Donne   con   la   D   maiuscola   come   lo   sono   Ivana,   Anna   e   Linda...   uno   spettacolo   poetico,   perché   le   musiche   di   Puccini   accompagnano   il pubblico   durante   tutta   l’opera   e   insieme   al   testo   regalano   più   di   un   brivido.   E   poetico   perché   mentre   scappa   una   lacrima,    forse,   alla   fine,   si   arriva   anche   a pensare di poter sognare, nonostante tutto, un futuro migliore. (Unfolding Roma) Occupare   la   terrazza   di   Castel   Sant’Angelo   per   far   valere   i   propri   diritti,   per   urlare   la   propria   disperazione,   per   farsi   ascoltare   dalle   autorità   e   dalla   massa indifferente.   Questo   consiglia   Oscar,   ex   delegato   sindacale   delle   Ferrovie   dello   Stato   e   ora   degente   in   casa   di   riposo,   alle   tre   infermiere   che   da   anni   lo accudiscono   quando   improvvisamente   ricevono   una   lettera   di   licenziamento.   La   casa   di   cura   sta   per   essere   trasformata   in   albergo   di   lusso   e   le   donne   si ritrovano   da   un   giorno   all’altro   senza   lavoro:   una   è   sola   con   due   figli   da   mantenere,   un’altra   incinta,   la   terza   ha   un   marito   in   cassa   integrazione. Vedendole   sprofondate   nello   sconforto,   sarà   il   vecchio   paziente   appassionato   d’opera   lirica,   ormai   malato   e   prossimo   alla   fine,   a   spronarle   nella   nuova avventura,   ad   infondere   in   loro   il   coraggio   di   alzare   la   testa   e   reclamare   la   propria   dignità.   Rinvigorito   lui   stesso   dal   ricordo   delle   antiche   battaglie, ispirato   dall’amore   per   la   lirica   e   in   omaggio   alla   Tosca   fiera   e   mai   remissiva,   sarà   con   loro   nel   gesto   clamoroso   ed   eclatante,   per   richiamare   l’attenzione dei media, unica via oggi per essere ascoltati. “La   Notte   della   Tosca”    è   una   commedia   brillante,   estremamente   gradevole   e   divertente,   firmata   da   Roberta   Skerl,   di   cui   ben   si   riconosce   la   scrittura scorrevole   e   la   capacità   di   trattare   tematiche   sociali   e   spesso   drammatiche   con   delicatezza   ed   ironia.   La   regia   equilibrata   e   attenta   di   Silvio   Giordani   ben accompagna   il   testo;   si   ride   senza   perdere   di   vista   la   drammaticità   del   tema   e   sia   le   battute   che   le   caratterizzazioni   dei   personaggi   divertono   senza dover   ricorrere   ad   eccessi   o   forzature.   Le   interpreti   femminili,   Gabriella   Silvestri,   Claudia   Ferri   e   Annachiara   Mantovani,   oscillando   tra   sfoghi   isterici   di rabbia,   crisi   di   pianto   e   momenti   di   penosa   disperazione,   offrono   tre   interpretazioni   riuscite   e   naturali   mentre   il   sempre   convincente   Pietro   Longhi   è   il burbero   Oscar,   spassosamente   lapidario   e   sarcastico,   passionario   e   determinato   nel   dare   coraggio   alle   sue   infermiere.   Il   ritmo   è   veloce,   i   toni spontanei, le battute sferzanti e il tocco di romanità nella cadenza dei personaggi aggiunge autenticità senza essere greve. Con   gusto   dolce-amaro   lo   spettacolo   ritrae   una   società,   dolorosamente   reale,   in   cui   ognuno   finisce   per   accontentarsi   di   una   vita   di   lavori   precari   e sicurezze economiche inadeguate e in cui anche il più ingiusto licenziamento necessita di un gesto sensazionale per risvegliare lo sdegno altrui. Le   musiche,   coinvolgente   selezione   delle   più   famose   arie   d’opera,   sono   curate   da   Eugenio   Tassitano   e,   insieme   alle   affascinanti   scenografie   firmate   da Lorenzo   Zollo,   arricchiscono   l’intero   spettacolo   di   intensità   e   atmosfera.   Le   scene,   che   nel   primo   atto   ricostruiscono   la   stanza   del   paziente   e   lo spogliatoio delle infermiere nella casa di cura, colpiscono alla riapertura del sipario con una meravigliosa vista su Roma da Castel Sant’Angelo. E   forse   la   poesia   più   bella,   la   boccata   d’aria   e   di   speranza,   è   proprio   nella   maestosità   del   cielo   infuocato   al   tramonto   sui   tetti   di   Roma   mentre   le   note struggenti e maestose dell’Opera riempiono l’aria. Articolo di: Michela Staderini
Alcuni      anni      prima      una      coppia      di      attori      famosi      Ugo      e      Gigì      (Pietro     Longhi      e      Gabriella      Silvestri)      erano      una   ditta   formidabile   che   riempiva   i teatri.   Amanti      ideali,      in      scena      come      nella      vita      i      due      hanno      però     perduto      il      loro      pubblico      tra      separazioni,      addii,   intemperanze,      alcool      e     sregolatezze      varie.      Ora      lui      vivacchia      in      teatri      di      terz’ordine,      lei      si      è     appena   disintossicata      dall’alcool,      ma      un      agente      teatrale      ha      l’idea      di     rimetterli      insieme      per      provare      a      riconquistare   il   favore   del   pubblico   con la    mitica    coppia    del    passato.    L’operazione,        rischiosissima,        dato        il      carattere      esplosivo      dei      due,      viene      affidata      ad      un      regista      di      provata esperienza      (Antonello      Costa)      che      dovrà      moderare      gli      eccessi      dei      due     istrioni.      La      coppia      “scoppiata”      a      suo   tempo      viene      ricomposta      e     addirittura      tra      i      due      rinasce      l’amore      ma      la      miscela      che      si      viene      a     creare      alle   prove   è   esplosiva.   Suspense,   comicità   intelligente,   incontri   di pugilato,   abbracci   memorabili,   sotterfugi   e   ubriacature.   La   commedia   in commedia   mai   come   in   questo   caso   è   stata   un’arma   vincente   per   divertire il pubblico.
La         nostra         passione         per         SIMENON         ci         ha         spinto         a         mettere         in        scena         una         delle         storie         di         Maigret         che         hanno         un      più   sicuro impianto    teatrale.    In            “Maigret            al            Liberty            Bar”            il            famoso          commissario         vive         un’esperienza         straordinaria,         fuori         dal         normale     anche         per         un         uomo         della         sua         tempra.         Cercando         di         scoprire        l’assassino         di         Mister         Brown,         Maigret         si         cala      intere         giornate         nella        penombra         accogliente         del         Liberty         Bar,         accanto         a         Jaja,         una        donna         piena         di         passione,      fragilità,         tenerezza         e         rimpianti         alla        ricerca         di         una         ottusa         felicità         fatta         di         ubriacature         e         voglia         di        normalità.      In         quel         microcosmo,         nebuloso         e         comodo         che         ricorda        una   fumeria   d’oppio   vive   anche   Sylvie,   una   giovane  prostituta con la   sua   avvenenza   brutale.   Maigret         intuisce         la         rete         di         relazioni        intime         e         disperate         che         c’è         dietro         il         racconto         semplice         di         una        morte         per      omicidio;         diventa         anche         lui         parte         del         paesaggio,        bevendo         con         Jaja         e         Sylvie,         penetrando         quel         delicato      tessuto        connettivo         umano         fatto         di         relitti         che         cercano         pace         senza        riscatto.         Alla         fine         Maigret         verrà         a         capo      del   mistero   :   una   piccola storia   d’amore.   Una   piccola,   dolorosa   storia   d’amore.      Portare         in         scena        Simenon         è         un’operazione         che         ci         esalta         e         che         sta         suscitando         un        enorme         interesse         presso      gli         innumerevoli         cultori         del         mito         di        Maigret         e         intendiamo         trasmettere         al         pubblico         la         stessa        atmosfera         e         le      stesse         suggestioni         raccontate         dall’autore         nei         suoi        romanzi,         curando         particolarmente         il         profilo         psicologico      dei personaggi.
MAIGRET AL LIBERTY BAR di Georges Simenon con Paola Gassman, Pietro Longhi, Miriam Mesturino, Pierre Bresolin, Geremia Longobardo, Paolo Perinelli, Alessandro Loi regia Silvio Giordani  scene Mario Amodio - costumi Adelia Apostolico - aiuto regia Olimpia Alvino - disegno luci Sacha Donninelli - sarta di scena Elisabetta Viola - amministrazione Giuseppe Varano Aspetto   distinto,   modi   burberi,   accanito   bevitore,   instancabile   fumatore   di   pipa:   è   il   Commissario   Maigret,   creato dalla   penna   di   Georges   Simenon    nel   1929    e   protagonista   di   oltre   100   opere   tra   romanzi   e   racconti.   Sul   palco   ha invece   i   modi   bruschi   e   insieme   benevoli   e   la   voce   profonda   e   cadenzata   di   Pietro   Longhi.    E’   lui   ad   inaugurare la    stagione    2015/2016    del    suo    teatro    romano    vestendo    perfettamente    i    panni    del    famosissimo    commissario francese,    chiamato    stavolta    a    indagare    su    un    delitto    in    Costa    Azzurra.    La    vittima    è    un    certo    William    Brown , australiano   che   da   anni   vive   ad   Antibes   con   l’amante   e   la   vecchia   madre   ma   che   ama   trascorrere   il   suo   tempo   al Liberty   Bar.   Qui   si   muovono   le   due   protagoniste   femminili:   Jaja,    la   proprietaria   del   locale,   è   una   donna   fragile   dedita all'alcol   e   alle   passeggiate,   mossa   da   passioni   e   sentimenti   contrastanti;   Sylvie    è   invece   una   giovane   e   avvenente prostituta   che   Jaja   ha   accolto   nel   suo   mondo.   Vanno   e   vengono   poi   un   tipo   poco   raccomandabile,   l'ispettore   di polizia,   il   medico   che   da   anni   ha   in   cura   la   vecchia   Jaja,   il   figlio   di   Brown   arrivato   dall’Australia.   Tutti,   anche   la   vittima, ruotano   intorno   al   Liberty   Bar,   piccolo   locale   dall'atmosfera   fumosa   che   Jaja   ha   reso   un   rifugio   per   anime perse ,   un   ambiente   silenzioso   e   confortevole,   al   riparo   dalla   calura   della   croisette   e   dalla   vita   mondana   di   Cannes.   E’ in   quest'ambiente   e   tra   queste   figure   che   dovrà   indagare   Maigret   per   scoprire   la   verità.   Lo   farà   immedesimandosi nel   Signor   Brown,   facendo   sua   l'abitudine   della   vittima   di   trascorrere   lunghe   ore   al   bar,   di   pranzare   con   Jaja   e   Sylvie, di   servirsi   autonomamente   al   bancone,   di   lasciarsi   contagiare   dall'atmosfera   del   Liberty   Bar.   Al   solito,   Maigret   non segue   gli   indizi   ma   il   suo   istinto,   non   esamina   il   cadavere   ma   indaga   nella   psicologia   delle   persone .   E   solo immergendosi   nelle   relazioni   disperate   che   legano   i   personaggi   e   nella   profondità   dei   loro   caratteri,   il   Commissario scoprirà la verità nascosta... “Liberty   Bar”   fu   scritto   da   Simenon   nel   1932   e,   dopo   alcune   trasposizioni   televisive,   fu   adattato   per   il   teatro   francese nel   1955.   Ora   finalmente   arriva   anche   in   Italia.   E'   la   prima   volta   del   Commissario   Maigret   sui   palcoscenici italiani   e   a   volerlo   fortemente   è   stato   il   regista   Silvio   Giordani    che,   mosso   da   una   passione   decennale   per   i   casi di   Maigret,   dopo   lunghe   trattative   ne   ha   ottenuto   i   diritti   scegliendo   tra   i   romanzi   di   Simenon   quello   che,   grazie all’ambientazione   unica   e   alla   molta   riflessione   e   poca   azione,   aveva   un   più   sicuro   impianto   teatrale.   Lo   spettacolo ha   debuttato   a   luglio   durante   il   Festival   Teatrale   di   Borgio   Verezzi   (SV)    suscitando   subito   un   bell'interesse   tra   i cultori    di    Maigret.    L'attenta    cura    nel    ricreare    le    atmosfere    tipiche    dei    romanzi    e    l'accurato    delineare    il carattere   dei   personaggi   e   le   motivazioni   psicologiche   delle   loro   azioni,   fanno   sì   che   le   aspettative   del   pubblico non restino deluse. Tutto    nello    spettacolo    di    Giordani    è    estremamente    curato.    Le    musiche    suggestive,    in    parte    estratte    dalla colonna   sonora   originale   della   famosa   serie   televisiva   e   in   parte   scelte   ad   hoc,   creano   la   giusta   atmosfera   spaziando da Juliette Greco a Luigi Tenco a Edith Piaf. La   scenografia   di   Mario   Amodio ,   nella   semplicità   dell’ambiente   unico,   riproduce   l'interno   -   familiare   e   un   po’   retrò   - del   Liberty   Bar   con   tavolini,   slot-machine,   poltrone,   il   bancone   del   bar   e   due   belle   vetrate   liberty   che   si   stagliano   sul fondo   e   fanno   filtrare   e   colorano   di   luce   la   scena.   Poi,   chiaramente   determinanti,   ci   sono   le   interpretazioni   degli attori.   Su   tutte   spicca   Paola   Gassman    che   con   la   sua   Jaja   appassionata   e   straziata   da   alcol   e   rimpianti   è   fluida   e naturale   per   tutto   lo   spettacolo   fino   ad   arrivare   all'ultima   scena   in   cui   si   mostra   a   pieno   nella   sua   intensità   e   bravura. Pietro    Longhi,     nei    difficili    panni    del    Commissario    Maigret,    ricordato    da    tutti    soprattutto    per    l'interpretazione televisiva   di   Gino   Cervi   (considerato   dallo   stesso   Simenon   la   miglior   versione   della   sua   creatura!),   dà   ottima   prova   di una   recitazione   decisa,   pacata   e   ferma,   a   volte   (volutamente)   addirittura   monocorde,   come   richiesto   dal   ruolo. Sylvie,   la   terza   protagonista,   è   interpretata   da   una   frizzante   Miriam   Mesturino    mentre   tra   i   personaggi   di   contorno spicca   Pierre   Bresolin    nel   ruolo   dell'ispettore   della   polizia   locale,   chiamato   di   tanto   in   tanto   ad   alleggerire   il   ritmo dell'inchiesta    e    del    racconto.    E    se,    inevitabilmente,    lo    spettacolo    parte    lento    e    i    primi    momenti    risultano    più monotoni   a   causa   della   lunga   chiacchierata   tra   ispettore   e   commissario   con   l'esposizione   del   delitto,   dei   fatti   e   delle piste   da   seguire,   subito   dopo,   con   l'ingresso   degli   altri   personaggi   e   l'evolversi   della   vicenda,   la   storia   prende   vita   e lo   spettacolo   tiene   avvinto   il   pubblico   per   più   di   due   ore .   Caldi   applausi   alla   fine.   L'augurio   è   che   "Maigret   al Liberty Bar" possa essere il primo esperimento teatrale che apra il sipario su un fortunato filone giallo. Articolo di: Michela Staderini http://www.saltinaria.it/recensioni/spettacoli-teatrali/maigret-al-liberty-bar-teatro-manzoni-roma-recensione- spettacolo.html
Autore: Bill Manhoff Regia: Silvio Giordani Genere: commedia Compagnia/Produzione: Centro teatrale artigiano Cast: Rita Forte - Pietro Longhi “Il   gufo   e   la   gattina”   di   Bill   Manhoff   è   una   straordinaria   macchina   per attori.    Una    favola    moderna    tra    grottesco    e    paradosso,    basata    su    una comica astrazione: due mondi opposti che finiranno per comunicare. La     commedia     tratta     temi     importanti     come     sesso,     incomunicabilità, solitudine    e    frustrazione,    passando    però    sopra    a    tutto    una    mano    di vernice   così   brillante   che   riesce   a   farci   ridere   e   divertire   anche   mentre riflettiamo. Personaggi   di   scontrosa   tenerezza   con   sogni   sproporzionati   alle   proprie capacità,   Felix   (il   gufo,   commesso   di   libreria   e   scrittore   fallito)   e   Doris (gattina   attricetta-squillo   con   poca   cultura   e   nessuna   possibilità   artistica) si    incontrano    e    si    scontrano,    imparando    a    farsi    compagnia,    fino    a riconoscere di non poter più fare a meno l’uno dell’altra. Commedia    di    fresca    e    travolgente    simpatia,    ma    anche    di    spietata sincerità,   non   sfigura   al   confronto   di   altri   grandi   successi   del   cinema   e   del teatro   con   una   simile   architettura.   Si   pensi   a   Pigmalione   ,   Educando   Rita, My Fair Lady o a Colazione da Tiffany. Lo   schema   del   “Gufo”   apparentemente   insensibile   al   fascino   femminile   e della   “Gattina”   da   acculturare   perché   rozza   e   svampita,   ma   portatrice   di un   travolgente   carisma   sessuale,   ha   sempre   funzionato   sia   come   garanzia di   comicità   sia   come   una   delle   più   belle   (   tra   le   tante   possibili   )   storie d’amore.
LE FOTO DI SCENA SONO DI STEFANO GIORGI
diretto da Pietro Longhi e Daniela Petruzzi