Centro Teatrale Artigiano - Sede Fiscale: Via Monte Zebio 14/c 00195  Roma - Partita Iva e Codice Fiscale: 13195511004
SteveR
Commedia,   novità   italiana,   di   grande   attualità   in   cui   è   centrale   il   tema della   famiglia.   Una   coppia   di   genitori   ha   finalmente   tagliato   il   cordone che   la   legava   ai   propri   figli,   due   maschi   e   una   femmina,   ormai   adulti   e lontani   da   casa.   Papà   e   mamma,   infatti,   cominciano   a   sentirsi   liberi   di tornare   a   vivere   una   vita   di   coppia   dopo   che   per   anni   si   sono   sacrificati per   il   bene   dei   loro   figli   e   tentano   di   tornare   a   fare   cose   di   cui   avevano perso   il   gusto   dedicandosi   a   se   stessi   e   ai   propri   hobby   fino   a   riscoprire magicamente    il    "tempo    libero".    Ma    l'immaturità    dei    "bamboccioni"    li costringe    presto    a    tornare    nell'accogliente    nido    familiare    con    un susseguirsi    di    situazioni    comiche    imprevedibili.    La    coppia    di    genitori (Paola   Gassman   e   Pietro   Longhi)   vedrà   ben   presto   svanire   il   sogno   di libertà    che    si    era    appena    materializzato    tra    loro    e,    in    un    crescendo comico, dovrà adoperarsi per svuotare il nido un'altra volta.
Anna e Giulio sono una coppia di oggi.  Federica   e   Gabriele   i   loro   figli.   Come   succede   spesso   quando   i   genitori cominciano   a   credere   di   aver   svolto   per   intero   il   loro   compito,   Giulio   e Anna    si    trovano    invece    a    dover    affrontare    una    serie    di    problemi inaspettati.  Frizzante   commedia   sulla   famiglia   nella   quale   c’è   veramente   di   tutto: amore, risate, imprevisti, situazioni comiche e nevrosi quotidiane.  I   figli,   infatti,   se   pur   amati   e   ben   guidati   dai   genitori,   non   sono   poi   così autonomi e “maturi” come sembrano.  E   i   giovani   genitori   che   si   credevano   ormai   liberi   di   pensare   un   po’   a   loro stessi,   presto   saranno   costretti   a   rimboccarsi   le   maniche   per   rituffarsi   a risolvere i problemi e le situazioni complicate dei figli.  Famiglia     vera,     quella     composta     dai     nostri.     Ognuno     porta     il     suo contributo    di    ironia,    intelligenza,    pazienza,    simpatia    per    svolgere    al meglio il difficile e “mai concluso” mestiere di genitore.
"   La   luna   degli   attori   "   di   Ken   Ludwig   è   una   commedia   che   è   stata   portata in    scena    con    grande    successo    nel    1996    da    Anna    Proclemer,    Giorgio Albertazzi    e    Alessandra    Casella    ed    oggi    viene    riproposta    da    PAOLA QUATTRINI, PIETRO LONGHI e MIRIAM MESTURINO. L'opera   racconta   le   disavventure   di   una   compagnia   teatrale   degli   anni   '50. Per   George,   Charlotte   e   Roz   non   e'   difficile   stare   in   scena   ma   uscire   di scena.   Gli   anni   passano,   gli   incassi   non   sono   più   quelli   di   una   volta   e prendono   il   via   litigi,   incomprensioni,   identità   scambiate,   amori   e   amanti, infiniti    equivoci    che    culminano    nell'entrata    in    scena    del    capocomico ubriaco    che    sbaglia    completamente    commedia    lasciando    di    stucco    i colleghi.  Questo   testo   ha      il   pregio   di   disegnare   personaggi   e   umori   autentici   e   di portare   a   termine   un'analisi   profonda   del   mondo   dello   spettacolo,   dei suoi   vizi   e   delle   sue   virtù,   giocando   con   ritmo   serrato   in   un   clima   di grande    divertimento.        Con    leggerezza    costringe    lo    spettatore    ad    un impietoso    sguardo    sulle    debolezze    umane    e    sulla    "crudeltà"    di    certi rapporti:   la   vita   e   le   disavventure   di   questa   compagnia   teatrale   diventano metafora    dell'intera    società    contemporanea.    Come    dicevano    i    Latini, ridendo castigat mores.
La         nostra         passione         per         SIMENON         ci         ha         spinto         a         mettere         in        scena         una         delle         storie         di         Maigret         che         hanno         un      più   sicuro impianto    teatrale.    In            “Maigret            al            Liberty            Bar”            il            famoso          commissario         vive         un’esperienza         straordinaria,         fuori         dal         normale     anche         per         un         uomo         della         sua         tempra.         Cercando         di         scoprire        l’assassino         di         Mister         Brown,         Maigret         si         cala      intere         giornate         nella        penombra         accogliente         del         Liberty         Bar,         accanto         a         Jaja,         una        donna         piena         di         passione,      fragilità,         tenerezza         e         rimpianti         alla        ricerca         di         una         ottusa         felicità         fatta         di         ubriacature         e         voglia         di        normalità.      In         quel         microcosmo,         nebuloso         e         comodo         che         ricorda        una   fumeria   d’oppio   vive   anche   Sylvie,   una   giovane  prostituta con la   sua   avvenenza   brutale.   Maigret         intuisce         la         rete         di         relazioni        intime         e         disperate         che         c’è         dietro         il         racconto         semplice         di         una        morte         per      omicidio;         diventa         anche         lui         parte         del         paesaggio,        bevendo         con         Jaja         e         Sylvie,         penetrando         quel         delicato      tessuto        connettivo         umano         fatto         di         relitti         che         cercano         pace         senza        riscatto.         Alla         fine         Maigret         verrà         a         capo      del   mistero   :   una   piccola storia   d’amore.   Una   piccola,   dolorosa   storia   d’amore.      Portare         in         scena        Simenon         è         un’operazione         che         ci         esalta         e         che         sta         suscitando         un        enorme         interesse         presso      gli         innumerevoli         cultori         del         mito         di        Maigret         e         intendiamo         trasmettere         al         pubblico         la         stessa        atmosfera         e         le      stesse         suggestioni         raccontate         dall’autore         nei         suoi        romanzi,         curando         particolarmente         il         profilo         psicologico      dei personaggi.
Questo    autore    è    stato    spesso    considerato    dai    suoi    contemporanei “troppo   moderno”   ed   ha      scritto   sei   commedie   “palliate”   ispirate   quindi   ad un   modello   greco,   diversamente   dalle      “togate”   di   ambientazione   romana, operando    una    vera    e    propria    riforma    nell’ambito    di        questo    genere, inserendovi    nuovi    contenuti    ideologici    ed    attingendo    nella    “NEA”    la      commedia   nuova   ellenica   di   cui   Menandro   è   l’esponente   più   noto.   La carriera      drammaturgica   di   Terenzio,   non   fu   certo   facile   come   quella   di Plauto,    forse    perché    nella    sua        opera    non    troviamo    l’esuberanza,    le acrobazie   verbali,   i   giochi   di   parole   del   sarsinate.      Terenzio,   infatti,   usa uno   stile   ed   un   linguaggio   sobrio,   naturale,   all’insegna   della      compostezza e    della    semplicità    evitando    espressioni    popolari    e    volgari    in    omaggio forse        all’esigenza    di    equilibrio    e    di    raffinatezza    che    egli    mutuava    dal sofisticato   circolo   scipionico      di   cui   faceva   parte.   Anche   la   “contaminatio”   è usata    da    Terenzio    in    maniera    diversa    dagli        altri    autori    latini    non ibridando   una   commedia   con   una   mescolanza   di   varie   commedie      greche, ma   inserendo   una   intera   scena   desunta   da   altri   drammi   all’interno   di   una sola      commedia   greca   usata   come   modello.      Nel   Teatro   “naturalistico”   di Terenzio    troviamo    una        suspance    nuova.    Lo    spettatore    è    coinvolto emotivamente   nelle   vicende,   prova   le   stesse      emozioni   dei   personaggi   e l’autore   non   consente   procedimenti   “metateatrali”   cioè   non   vuole      che venga    mai    interrotta    l’illusione    scenica    e    al    contrario    di    Plauto    che tendeva    solo    a        divertire,    cerca    di    trasmettere    un    messaggio    morale. Nasce,   insomma   un’attenzione   sociale      che   allora   era   una   vera   e   propria rivoluzione   culturale   con   dentro   un   messaggio   di      HUMANITAS.      “…homo sum,   humani   nihil   a   me   alienum   puto…”      (sono   un   uomo   e   niente   di      ciò che    è    umano    considero    a    me    estraneo…)    Aprirsi    agli    altri,    rinunciare all’egoismo,        comprendere    i    propri    limiti    ed    essere    indulgente    nei confronti   degli   errori   degli   altri:   in   una      parola   essere   tolleranti   e   solidali. Ed   è   così   che   i   personaggi   di   Terenzio   si   allontanano      miglia   e   miglia   da quelli   pacchiani,   spregiudicati,   egoisti   e   truffaldini   di   Plauto.   La   nuova     comicità   non   è   più   nella   battutaccia   o   nell’intrigo   e   risiede   più   nel   sorriso che nel riso, un  sorriso talvolta venato di riflessione e meditazione.
Menandro,      l'autore      più      rappresentato      della      "commedia      nuova", considerato   dagli               antichi      greci   secondo   solo   ad   Omero,   fu   per   molto tempo   poco   più   di   un   nome.   Alcuni   fortunati      ritrovamenti   di   papiri   hanno permesso    alle    sue    commedie    di    riemergere    dalle    nebbie    del        tempo. Molte     commedie     sono     incomplete,     ma     altre     hanno     permesso     di tratteggiare   una      chiara   immagine   della   straordinaria   capacità   del   loro autore.   La   donna   di   Samo   del   titolo   è      Criside,   già   etèra   e   poi   compagna   di un   benestante   Demea,   mercante   di   Atene.   Attorno   alla      figura   della   donna ruotano   le   vicende   di   due   famiglie   in   un   intreccio   di   amori,   equivoci   e     inganni   che   si   scioglie   nell'immancabile   lieto   fine.   Menandro   è   abilissimo nel   descrivere   le      tensioni,   la            fragilità,   le   astuzie   della   "nuova   società" ateniese   verso   la   fine   del   IV°   secolo      a.C.   L'opera   può   essere   definita   una vera    commedia    degli    equivoci    e,    nonostante    tutti    si        comportino    in assoluta   buona   fede   e   manchi   la   figura   del   malvagio,   la   situazione   rischia     sempre   di   precipitare.         La   figura   femminile   di   Criside   spicca   per   la   sua sensibilità   e   modernità.   La   donna   accetta      accuse   ingiuste   e   anche   di essere   cacciata   di   casa   senza   ribellarsi,   solo   per   solidarietà      femminile. Anche,   Demea,   il   protagonista   maschile   ha   una   sua   originalità.         E'   la trasformazione     menandrea     di     un     classico     personaggio     comico     del passato   :   l'uomo      maturo   innamorato   di   una   giovane   che   da   comico,   nella scrittura   elegante   di   Menandro,   si      trasforma   in   controverso   personaggio dai   mille   risvolti   psicologici   che   lotta   con   se   stesso   ma      non   può   impedirsi di   essere   roso   dalla            gelosia.   Menandro   non   genera   mai   momenti   di     pura   ilarità,   ma   grazie   ad   un   senso   del   comico   molto   sottile   fa   sorridere     molto    di    pregi    e        difetti    dei    vari    individui    che    compongono    la    sua intrigante   umanità.   Non   ci   sono   più   i   grandi      temi   del   passato,   le   grandi passioni,   i   grandi   obiettivi.   La   Grecia   di   Menandro   si   guarda      dentro   di   se in   una   introspezione   quasi   attonita   e   la   famiglia,   o   meglio   il   microcosmo     familiare diviene il punto focale dell'indagine poetica.
QUESTI FIGLI AMATISSIMI… di Roberta Skerl con Edy Angelillo, Pietro Longhi, Danilo Celli, Carmen Di Marzo scene Mario Amodio costumi Lucia Mariani regia Silvio Giordani   Divertente,   simpatica,   allegra,   spassosa.   E,   nei   panni   della   mamma   demoralizzata   dagli   insuccessi   dei   suoi   due ragazzi,   è   assolutamente   credibile.   Queste,   in   sintesi,   le   caratteristiche   della   performance   di   Edy   Angelillo , un’attrice   competente   e   preparata,   che   nel   suo   ultimo   impegno   teatrale   riesce   a   personalizzare   in   modo   unico   il ruolo,   sicuramente   ben   scritto,   riservatole   dal   copione.   Affiancata   da   un   ottimo   Pietro   Longhi ,   l’attrice   veneta   si esibisce   in   questi   giorni   sul   palco   del   Manzoni    con   « Questi   figli   amatissimi …»,   la   commedia   brillante   e   quanto mai   realistica   uscita   dalla   penna   di   Roberta   Skerl .   La   precisa   linea   registica   di   Silvio   Giordani   riesce   a   rendere verosimili   le   dinamiche   interpersonali   che   si   sviluppano   tra   i   quattro   parenti   in   scena,   richiamando   in   modo   più   o meno immediato le situazioni familiari di cui siamo spesso testimoni, se non proprio protagonisti. Ecco,   allora,   che   la   struttura   romana   chiude   la   stagione   2014-2015    con   un   testo   dotato   di   una   comicità deliziosa    ed    intelligente ,    nel    rispetto    della    sua    vocazione    di    palcoscenico    volto    ad    allestire    spettacoli caratterizzati da una cifra umoristica, pur sempre nel rispetto di una arguta analisi della realtà contemporanea. Pietro   Longhi    ed   Edy   Angelillo ,   dunque,   danno   volto   e   voce   a   Giulio    ed   Anna ,   due   coniugi   convinti,   quanto meno   in   apparenza,   di   aver   assolto   il   proprio   ruolo   genitoriale   e   di   aver   avviato   la   prole   verso   un   futuro   che procede    su    binari    ben    tracciati:    lo    studio    all’estero    per    la    femmina,    il    matrimonio    e    l’attività    economica    in campagna   per   il   maschio.   La   realtà   però,   come   sempre   succede,   è   molto   più   complicata.   Federica ,   infatti,   la   figlia ventiseienne,   decide   di   lasciare   Londra   dove   sta   da   un   anno   e   mezzo   a   carico   dei   genitori   che   la   mantengono   a suon   di   versamenti   di   duemila   euro   al   mese.   Dopo   aver   accantonato   la   facoltà   di   medicina,   per   passare   a   quella di   filosofia   e,   poi,   a   quella   di   scienze   della   comunicazione,   la   ragazza   capisce   che   la   propria   passione   si   trova   nel cinema,   e   decide   di   frequentare   un   costosissimo   master   in   «antropologia   visiva»   nella   capitale   britannica,   salvo poi   accorgersi   di   vivere   un’esperienza   al   di   sotto   delle   proprie   aspettative.   La   situazione,   già   di   per   sé   deprimente, è   peggiorata   dal   disastroso   epilogo   del   rapporto   col   giovane   finlandese   Ian.   Federica,   interpretata   dalla   brava Carmen   Di   Marzo ,   è   viziata,   mutevole,   e   rende   scontenti   i   genitori   che   le   rimproverano   un   certo   approccio   sterile alle sue infatuazioni. Poco   più   di   un   anno   di   matrimonio   e   l’avvilente   prospettiva   di   un   imminente   divorzio,   è   la   situazione   in   cui   versa Gabriele    (un   valido   Danilo   Celli ),   il   figlio   maschio   di   Giulio    ed    Anna .   Il   ragazzo   avrebbe   le   carte   in   regola   per   un futuro   radioso,   con   la   sua   laurea   in   fisica   molecolare   ed   una   vita   coniugale   avviata,   ma   il   giovane   pensa   bene   di rendere   il   tutto   più   movimentato   innamorandosi   della   vita   bucolica   dei   terreni   umbri   e   alimentando   la   propria vocazione   di   neo-contadino   eco-ambientalista   volto   alla   coltivazione   delle   zucchine   biologiche.   Una   scelta   di   vita che sarà la causa della rottura del suo rapporto con la moglie Francesca, snervata da una vita tanto monotona. I   quattro,   fra   litigi   e   psicosi   familiari,   si   muovono   in   una   scenografia    che   riproduce   l’interno   di   un   appartamento semplice   ed   elegante,   curato   nei   dettagli   da   Mario   Amodio    finanche   alla   riproduzione   della   tromba   delle   scale intravista nel gioco di apertura e di chiusura delle porte. Anna   e   Giulio    si   trovano   a   così   a   fare   i   conti   con   dei   figli   insoddisfatti,   un   po’   egocentrici,   privi   di   un   tetto   e,   più   in generale,   di   solide   prospettive:   i   due   genitori   si   rendono   conto   di   dover   continuare   a   svolgere   il   ruolo   che pensavano   di   aver   assolto   in   modo   pressoché   definitivo.   I   ragazzi   non   vogliono   crescere,   ma   loro   cosa   fanno?   Li spingono   a   cambiare   o,   più   passivamente,   continuano   a   coccolarli?   Li   incoraggiano   verso   nuove   strade   o   li viziano? L’argomento   sviluppato   in   « Questi   figli   amatissimi… »   è   indubbiamente   noto   e   quanto   mai   attuale,   soprattutto in   una   società   come   quella   odierna   che   sembra   certificare   il   prolungamento   dell’adolescenza.   Il   rischio   della pièce,   dunque,   potrebbe   essere   quello   di   cadere   in   qualche   cliché   trito   e   ritrito   che   vanificherebbe   il   senso dell’operazione.   Ma   il   testo   riesce   nel   tentativo   di   portare   in   scena   qualcosa   di   originale,   anche   grazie   alla precisa    scrittura    della    Skerl    che,    oltre    ad    affrontare    in    modo    costitutivo    l’argomento,    delinea    con accuratezza   i   personaggi ,   li   arricchisce   di   sfaccettature,   li   dota   di   quelle   piccole   contraddizioni   che   consentono loro   di   essere   plausibili.   E   poi,   l’autrice   stimola   la   nascita   di   quel   processo   d’identificazione   che   lo   spettatore   ama trovare   nei   lavori   contemporanei,   un   fattore   che   lo   mette   nella   condizione   di   poter   ridere   soddisfatto   delle situazioni tragicomiche in cui si specchia. Gradevole    il    personaggio    di    Giulio,    che    il    bravissimo    Pietro    Longhi    porta    in    scena    con    delicatezza    e padronanza.   Splendida   l’interpretazione   di   Edy   Angelillo,   elegante   ed   armoniosa,   che   diverte   con   i   suoi scatti d’ira e provoca risate a scena aperta con la sua simpaticissima mimica . Articolo di: Simona Rubeis http://www.saltinaria.it/recensioni/spettacoli-teatrali/questi-figli-amatissimi-teatro-manzoni-roma-recensione- spettacolo.html
MAIGRET AL LIBERTY BAR di Georges Simenon con Paola Gassman, Pietro Longhi, Miriam Mesturino, Pierre Bresolin, Geremia Longobardo, Paolo Perinelli, Alessandro Loi regia Silvio Giordani scene Mario Amodio costumi Adelia Apostolico aiuto regia Olimpia Alvino disegno luci Sacha Donninelli sarta di scena Elisabetta Viola amministrazione Giuseppe Varano   Aspetto   distinto,   modi   burberi,   accanito   bevitore,   instancabile   fumatore   di   pipa:   è   il   Commissario   Maigret,   creato dalla   penna   di   Georges   Simenon    nel   1929    e   protagonista   di   oltre   100   opere   tra   romanzi   e   racconti.   Sul   palco   ha invece   i   modi   bruschi   e   insieme   benevoli   e   la   voce   profonda   e   cadenzata   di   Pietro   Longhi.    E’   lui   ad   inaugurare la    stagione    2015/2016    del    suo    teatro    romano    vestendo    perfettamente    i    panni    del    famosissimo    commissario francese,    chiamato    stavolta    a    indagare    su    un    delitto    in    Costa    Azzurra.    La    vittima    è    un    certo    William    Brown , australiano   che   da   anni   vive   ad   Antibes   con   l’amante   e   la   vecchia   madre   ma   che   ama   trascorrere   il   suo   tempo   al Liberty   Bar.   Qui   si   muovono   le   due   protagoniste   femminili:   Jaja,    la   proprietaria   del   locale,   è   una   donna   fragile   dedita all'alcol   e   alle   passeggiate,   mossa   da   passioni   e   sentimenti   contrastanti;   Sylvie    è   invece   una   giovane   e   avvenente prostituta   che   Jaja   ha   accolto   nel   suo   mondo.   Vanno   e   vengono   poi   un   tipo   poco   raccomandabile,   l'ispettore   di polizia,   il   medico   che   da   anni   ha   in   cura   la   vecchia   Jaja,   il   figlio   di   Brown   arrivato   dall’Australia.   Tutti,   anche   la   vittima, ruotano   intorno   al   Liberty   Bar,   piccolo   locale   dall'atmosfera   fumosa   che   Jaja   ha   reso   un   rifugio   per   anime perse ,   un   ambiente   silenzioso   e   confortevole,   al   riparo   dalla   calura   della   croisette   e   dalla   vita   mondana   di   Cannes.   E’ in   quest'ambiente   e   tra   queste   figure   che   dovrà   indagare   Maigret   per   scoprire   la   verità.   Lo   farà   immedesimandosi nel   Signor   Brown,   facendo   sua   l'abitudine   della   vittima   di   trascorrere   lunghe   ore   al   bar,   di   pranzare   con   Jaja   e   Sylvie, di   servirsi   autonomamente   al   bancone,   di   lasciarsi   contagiare   dall'atmosfera   del   Liberty   Bar.   Al   solito,   Maigret   non segue   gli   indizi   ma   il   suo   istinto,   non   esamina   il   cadavere   ma   indaga   nella   psicologia   delle   persone .   E   solo immergendosi   nelle   relazioni   disperate   che   legano   i   personaggi   e   nella   profondità   dei   loro   caratteri,   il   Commissario scoprirà la verità nascosta... “Liberty   Bar”   fu   scritto   da   Simenon   nel   1932   e,   dopo   alcune   trasposizioni   televisive,   fu   adattato   per   il   teatro   francese nel   1955.   Ora   finalmente   arriva   anche   in   Italia.   E'   la   prima   volta   del   Commissario   Maigret   sui   palcoscenici italiani   e   a   volerlo   fortemente   è   stato   il   regista   Silvio   Giordani    che,   mosso   da   una   passione   decennale   per   i   casi di   Maigret,   dopo   lunghe   trattative   ne   ha   ottenuto   i   diritti   scegliendo   tra   i   romanzi   di   Simenon   quello   che,   grazie all’ambientazione   unica   e   alla   molta   riflessione   e   poca   azione,   aveva   un   più   sicuro   impianto   teatrale.   Lo   spettacolo ha   debuttato   a   luglio   durante   il   Festival   Teatrale   di   Borgio   Verezzi   (SV)    suscitando   subito   un   bell'interesse   tra   i cultori    di    Maigret.    L'attenta    cura    nel    ricreare    le    atmosfere    tipiche    dei    romanzi    e    l'accurato    delineare    il carattere   dei   personaggi   e   le   motivazioni   psicologiche   delle   loro   azioni,   fanno   sì   che   le   aspettative   del   pubblico non restino deluse. Tutto    nello    spettacolo    di    Giordani    è    estremamente    curato.    Le    musiche    suggestive,    in    parte    estratte    dalla colonna   sonora   originale   della   famosa   serie   televisiva   e   in   parte   scelte   ad   hoc,   creano   la   giusta   atmosfera   spaziando da Juliette Greco a Luigi Tenco a Edith Piaf. La   scenografia   di   Mario   Amodio ,   nella   semplicità   dell’ambiente   unico,   riproduce   l'interno   -   familiare   e   un   po’   retrò   - del   Liberty   Bar   con   tavolini,   slot-machine,   poltrone,   il   bancone   del   bar   e   due   belle   vetrate   liberty   che   si   stagliano   sul fondo   e   fanno   filtrare   e   colorano   di   luce   la   scena.   Poi,   chiaramente   determinanti,   ci   sono   le   interpretazioni   degli attori.   Su   tutte   spicca   Paola   Gassman    che   con   la   sua   Jaja   appassionata   e   straziata   da   alcol   e   rimpianti   è   fluida   e naturale   per   tutto   lo   spettacolo   fino   ad   arrivare   all'ultima   scena   in   cui   si   mostra   a   pieno   nella   sua   intensità   e   bravura. Pietro    Longhi,     nei    difficili    panni    del    Commissario    Maigret,    ricordato    da    tutti    soprattutto    per    l'interpretazione televisiva   di   Gino   Cervi   (considerato   dallo   stesso   Simenon   la   miglior   versione   della   sua   creatura!),   dà   ottima   prova   di una   recitazione   decisa,   pacata   e   ferma,   a   volte   (volutamente)   addirittura   monocorde,   come   richiesto   dal   ruolo. Sylvie,   la   terza   protagonista,   è   interpretata   da   una   frizzante   Miriam   Mesturino    mentre   tra   i   personaggi   di   contorno spicca   Pierre   Bresolin    nel   ruolo   dell'ispettore   della   polizia   locale,   chiamato   di   tanto   in   tanto   ad   alleggerire   il   ritmo dell'inchiesta    e    del    racconto.    E    se,    inevitabilmente,    lo    spettacolo    parte    lento    e    i    primi    momenti    risultano    più monotoni   a   causa   della   lunga   chiacchierata   tra   ispettore   e   commissario   con   l'esposizione   del   delitto,   dei   fatti   e   delle piste   da   seguire,   subito   dopo,   con   l'ingresso   degli   altri   personaggi   e   l'evolversi   della   vicenda,   la   storia   prende   vita   e lo   spettacolo   tiene   avvinto   il   pubblico   per   più   di   due   ore .   Caldi   applausi   alla   fine.   L'augurio   è   che   "Maigret   al Liberty Bar" possa essere il primo esperimento teatrale che apra il sipario su un fortunato filone giallo. Articolo di: Michela Staderini http://www.saltinaria.it/recensioni/spettacoli-teatrali/maigret-al-liberty-bar-teatro-manzoni-roma-recensione- spettacolo.html
diretto da Pietro Longhi e Daniela Petruzzi